News
3 anni fa

Odissea giustizia

È uno degli aspetti più controversi della giustizia italiana: trasformare una causa civile in un percorso accidentato in modo da costringere la parte avversa a desistere.
Infatti, sempre più persone rinunciano a far valere i propri diritti con un procedimento giudiziario, scoraggiate dalla lunghezza dei processi civili dall’imprevedibilità delle decisioni. Per le stesse ragioni, poche multinazionali straniere decidono di investire in Italia. E alla richiesta di un piano straordinario di emergenza per i buchi negli organici dei magistrati e del personale amministrativo, il Ministero della Giustizia ha risposto con la mobilità delle Amministrazioni Pubbliche, che ha prodotto l’effetto collaterale di destinare impiegati a compiti per i quali non sono assolutamente preparati, come dimostra il caso dei barellieri nel Tribunale di Roma. Ma è davvero possibile che chi ha torto, alla fine, riesca ad avere ragione? Ce ne parla l’Avvocato Nicola Ciconte, intervistato oggi dal TG3 per un servizio sullo stato della giustizia civile nel nostro Paese.

Guarda l’intervista completa qui.